CWM

Vale Riccione

Siti Web & Consulenza Web Marketing

By

L’Italia è morta, andatevene finché siete in tempo

Caro Bsev, ho un problema. Lavoro per conto mio: ho la partita IVA. Nel 2012, è arrivato, finalmente, lavoro in abbondanza. Io lavoro esclusivamente per aziende: tutto viene fatturato. Alle correnti tariffe di mercato ho prodotto un reddito lordo di circa 50.000 euro. Per me, abituato come ero abituato, non è male. Il commercialista mi ha appena comunicato quanto dovrò versare da qui a novembre, tra saldo e anticipo: 22.900 euro tra imposte e contributi previdenziali. Questo dopo che, sul fatturato, è già stato versato il 20% di ritenuta d’acconto: che fanno altri 12.000: 34.900. In percentuale sul lordo, fa 69,8%. Per mettere insieme 50.000 euro ho lavorato sabati, domeniche, alcune notti, ho fatto trasferte paurose. Lo stato, per mantenere vizi e stravizi dei vari Trota, Batman, Formigoni e Minetti, se ne porta via più di due terzi. Per inciso: non potrò pagare, ovviamente. Sto ancora arrancando dietro imposte e contributi dell’anno scorso, poi ho una rata da 250 euro mensili con Equitalia; ed ho una rata da oltre 300 euro con una finanziaria, per un finanziamento chiesto ed ottenuto per pagare le tasse di 5 o 6 anni fa, non ricordo. Sono professionista (faccio il programmatore di computer): non posso fallire, non posso delocalizzare. L’unica cosa che potrei fare, e che probabilmente farò, sarà vendere l’appartamento di città dove vivono due figli venticinquenni e la ex moglie (io vivo in affitto), vendere la casetta di montagna ereditata da mio padre due anni fa, e sparire in uno di quei paesi dove si vive con pochissimo. Severgnini, lei dice, ai bravi ragazzi volenterosi che vogliono emigrare, di non farlo, e, se lo fanno, di tornare presto; io dico loro: “Andate fino a che siete in tempo. Quando avrete 50 anni (io ne ho 55), vi morderete le mani per non averlo fatto. L’Italia è un paese perduto. Lasciate i Trota, i Batman, i Formigoni e le Minetti al loro destino, e costruitevi una vita dignitosa altrove. L’Italia è morta”.

Cordiali saluti,
Aldo Marchioni, aldo@aldomarchioni.it

By

Toelettatura per cani su furgone mobile

Dato che italia dobbiamo per cosi dire “inventarci” i lavori, oggi proponiamo un investimento per gli amanto degli animali:

la toilettatura mobile che viene a lavarti il cane sotto casa!

La toelettatura mobile è un servizio conosciuto, apprezzato e diffuso nel nord America ed in alcune nazioni dell’Europa centro-settentrionale. Viene semplicemente allestito un furgone (in parecchi casi anche un rimorchio) con tutte le apparecchiature indispensabili al funzionamento di un’attività analoga in postazione fissa. Le prestazioni d’opera possono avvenire in qualsiasi località del territorio nazionale, dai piccoli borghi magari sprovvisti di toelettatura cani alle grandi città in cui la domanda è ai massimi livelli.
Una volta ammortizzato il costo del furgone e delle apparecchiature il gestore non dovrà sostenere grosse spese di “mantenimento” e soprattutto non dovrà far fronte ai canoni d’affitto ed a eventuali spese condominiali. A ciò si aggiunge il grandissimo vantaggio di poter svolgere un lavoro in piena autonomia lontani anni luce da vicini particolarmente stressanti o prevenuti nei riguardi dell’attività in oggetto qualora la si svolga in postazione fissa. Si potranno individuare abbinamenti molto interessanti con studi veterinari, allevamenti, pet shop, campeggi, villaggi turistici, ecc. raggiungendo in un battibaleno le località e le posizioni economicamente più vantaggiose.
Si potranno anche scegliere, in piena autonomia, diverse formule commerciali che comprendano sia il lavoro su appuntamento che quello a rotazione in zone precedentemente individuate o che si rivelino particolarmente interessanti per lo sviluppo dell’attività. Insomma un buon investimento anche e soprattutto tenendo conto dell’attuale situazione economica.
IL FURGONE
Parecchi mezzi si prestano a questo servizio e siamo in grado di allestire qualsiasi furgone, anche usato e di Vs. proprietà, che possieda idonea capienza. Tanto per fare degli esempi un Fiat Ducato, un Opel Movano, un Citroen Jumper, un Mercedes Sprinter, ecc. potrebbero essere adattati con pochi interventi non invasivi.
L’ALLESTIMENTO INTERNO

Facciamo un esempio che potrà ritenersi valido per la maggior parte dei furgoni. Allestimento interno di un Mercedes Sprinter L3H3 o simile

Rivestimento totale completamente sigillato in vetroresina lavabile e sanificabile;
scaldabagno elettrico capacità 100 litri per la produzione di acqua calda;
taniche per l’acqua chiara e scura con pompe di pressione;
installazione attrezzature per la toelettatura e cioe: vasca con portellone apribile per i cani di grossa taglia e pozzetto di decantazione per la raccolta del pelo morto, tavolo a pompa idraulica, cappa d’aspirazione per il pelo volatile con sacco di raccolta in tessuto microporoso, soffiatore 1200 Watts e föhn a due calorie;
ancoraggio a parete o pavimento di tutte le apparecchiature;
impianto elettrico con lampade a led, prese d’utilizzo per le tosatrici ed altre attrezzature e salvavita;
divisione vano laboratorio dal vano “di servizio”;
collaudo tecnico.

GLI OPTIONALS

Condizionatore a tetto silenziato
riscaldatore supplementare della parte destinata a laboratorio
generatore a benzina silenziato

IL CORSO DI TOELETTATURA ED IL DISBRIGO DELLE PRATICHE BUROCRATICHE

Si può frequentare un Corso di toelettatura professionale dove un referente qualificato che Vi seguirà passo passo durante il disbrigo delle pratiche burocratiche presso ASL, Comuni e Province.

I PAGAMENTI

A seconda dei servizi richiesti Vi verranno prospettati preventivi diversi: potrete decidere in autonomia se acquistare da noi il furgone, oppure se procurarvelo da soli (nuovo od usato che sia); se introdurre all’interno del furgone medesimo alcuni degli optionals oppure se optare per la soluzione base; se farVi supportare da un toelettatore professionista oppure no; se sbrigare da soli le pratiche presso ASL, Province e Comuni, oppure se avvalerVi della nostra consulenza.

Tutte le singole opzioni sono finanziabili mediante leasing operativo (purchè la Vs. ditta sia sul mercato da almeno due anni) oppure mediante rateizzazioni “ad hoc”.

Esempio di costi da affrontare con furgone per la toelettaura di Vs. proprietà:

Allestimento base del mezzo € 15.500,00 + IVA;
allestimento base della toelettatura € 8.500,00 + IVA;
disbrigo pratiche burocratiche + corso di toelettatura € 2.200,00 + IVA;
royalties mensili per i primi tre anni € 185,00/mese.

LA RESA

Prendendo come riferimento il risultato economico di una toelettatura tradizionale la toelettatura mobile assicura i seguenti vantaggi:

scelta non vincolata (dall’ubicazione del locale) dei luoghi in cui operare e quindi possibilità di mutare in tempo reale le zone d’esercizio dell’attività;
grande autonomia negli spostamenti e negli orari;
nessun contratto d’affitto da stipulare;
nessuna spesa condominiale da affrontare;
possibilità di raggiungere le zone turistiche più interessanti dal punto di vista commerciale in alta stagione e di abbandonarle in bassa stagione;
possibilità di operare presso il domicilio di una Clientela medio/alta che non possa o non voglia raggiungere una toelettatura tradizionale per problemi di tempo o di salute;
possibilità di operare all’interno di padiglioni fieristici, in occasione di sagre, stages di toelettatura, mostre di cani o gatti, esposizioni locali, regionali, nazionali e mondiali, ecc.;
possibilità, una volta acquisite le necessarie competenze, di istituire corsi di toelettatura itineranti nelle località prescelte dai richiedenti.

Calcoli molto prudenziali e per difetto consentono di ipotizzare un incasso medio lordo settimanale di € 1300/1500 (per 5 cani di taglia media al giorno lavati e tosati) da cui vanno dedotte le spese vive e l’eventuale rata di leasing o di finanziamento solo per i primi tre/cinque anni di attività.

Tutto sommato un buon affare, direi!

By

L’italia non è una repubblica democratica fondata sul lavoro

Ieri la casta ha bocciato il ddl sui vitalizi in cui si chiedeva ai politici almeno 10 anni di contributi prima di prendersi il vitalizio. Fiumi di parole, decreti, e ergie buttate in fumo per ricordarci chi comanda in italia. Noi sudditi, non possiamo altro che stare a guardare come servi senza onore e senza traccia di orgoglio.

Oggi, in parlamento si riuniscono per “discutere” di elezioni a marzo e tagli (AI CITTADINI SUDDITI, OVVIAMENTE), riunione indetta alle 10 e ovviamente non si è a cora presentato nessuno.

Questi prepotenti devono renderci conto, li paghiamo noi e si permettono di farsi i cazzi loro, sempre e comunque! Devono timbrare il cartellino, e ai ritardi devono seguire i richiami, e infine calci nel culo e pedalare… Ci stanno schernendo, e poi dicono che è sbagliato farsi prendere da facili populismi legati all’anti politica.
Ogni volta che aprono bocca ci umiliano, ci deridono e sputano sulla bocca di chi da loro da vivere.
Non abbiamo più nesssun potere, solo frustrazione per non poter scegliere. Non vincono le persone, neanche i partiti ma le coalizioni. Coizioni allargate, rimischiate e riproposte. Hanno il coraggio di fare affermazioni come il bisogno di rinnovare il nome al partito per cambiare rotta!!!Cosa ce ne frega del nome???Siamo loro zimbelli…

Per una questione di numeri sono le stesse persone che ci hanno comandato per 40 anni, e sono le stesse che ci comanderanno e ci imporrare voleri altrui. Ecco perchè non siamo in democrazia.

Ed è significativo che il primo articolo della costituzione (che piace tanto al nonno Napolitano) parla di democrazia e di lavoro, le cose che maggiormente mancano. Presa x il culo finale.

By

Giulio Tremonti a Riccione presenta 3L per RUBARE invece di lavorare

Giulio Tremonti a Riccione presenta 3L per RUBARE invece di lavorare.

L’ex ministro dell’economia Giulio Tremonti ha annunciato la sua discesa in campo politico con un nuovo soggetto denominato il “Manifesto” ieri e oggi al Palazzo dei Congressi di Riccione. “Voglio presentare un catalogo di idee e proposte che vorrei discutere soprattutto con molti giovani e tanta gente, metterlo in rete e portarlo in giro per il Paese – ha detto Tremonti -. La speranza è che da queste idee del manifesto nasca una lista, qualcosa di simile a un soggetto politico, partendo dai contenuti e dalle idee. Perché, purtroppo oggi molti in politica invece che partire dalle idee e dalle persone partono dalle ‘poltrone’. Io invece voglio partire proprio dalle idee”.

RIDICOLI, BUFFONI, MENEFREGHISTI e ASSENTEISTI dico io!

Come al solito ci troviamo davanti a politici che non vogliono lavorare, che non hanno niente da dire che fanno solo vomitare:

I lavori in corso erano programmati con i seguenti orari:

sabato dalle 9.30 alle 13 e dalle 15,30 alle 20…. 8 ORE DI LAVORI PROGRAMMATI CHE SI SONO RISOLTI IN SI E NO 4 ORE COMPLESSIVE di conferenza vuota dove i numeri dei partecipanti sono stati meno del 50% sulle previsioni.

Un incontro vuoto di contenuti, di idee, di persone e dignità.

Oggi sono arrivati alle 11 e dovrebbero finire alle 13!.. BEN 2 ORE DI DURO LAVORO!!!!! Non si è mai visto che un congresso parta a quest’ora… voglia di lavorare saltami addosso.

Fin troppo per gente abituata a rubare invece di lavorare.

Altro che pianisti, dovrebbero timbrare il cartellino per guadagnarsi la pagnotta invece di riempirsi la bocca di aria.

By

Comunicare nei social media con sensibilità e competenza

Per comunicare ci vuole sensibilità, chi non ha sensibilità non può fare della comunicazione il proprio mestiere.

Anche nel campo dei social media una sottovalutazione della professionalità e della formazione genera discreti porcai. Dobbiamo smettere di pensare che tutti, possano fare i social media manager o usare i social in modo corretto e funzionale.

Usare i social, farlo per mestiere, è un lavoro duro per il quale ci vuole impegno, dedizione, tempo e passione. Non è una cosa che possono fare tutti, come fare il matematico non è una cosa che possono fare tutti. Usare i social è un mestiere, e come tale deve essere strutturato, adeguatamente pagato e fatto secondo delle regole e dei canoni di sensibilità comuni a tutti.

Basta sottovalutare i social media. Gli errori capitano e se ne pagano le conseguenza, ma è bene prendere coscienza del fatto che Comunicare non è cosa da tutti.

By

Hotel Riccione 3 stelle

HOTEL MARGARETH ***

Riccione come luogo di fuga e romantici incontri propone un nuovo cameo turistico. Ambiente confortevole e rilassante, sul mare a breve distanza dal centralissimo viale Ceccarini, cuore del salotto alla moda della Riviera Adriatica, l’Hotel Margareth è stato recentemente ristrutturato dalla Fam. Semprini, stimata rappresentante della tradizione alberghiera di Riccione da oltre 30 anni.

Completo di aria condizionata e dei migliori servizi elaborati da uno staff scelto e qualificato, si ripropone come approdo vacanziero all’attenzione della clientela più selezionata onorato di soddisfare, rallegrare e rendere indimenticabili i soggiorni speciali. L’hotel è segnalato sulla guida MICHELIN.

L’’Hotel Margareth a Riccione propone un soggiorno con camere climatizzate direttamente sul mare con: box doccia, asciugacapelli, cassaforte, TV sat, SKY FREE SPORT e Pay per View , frigo bar,climatizzazione e riscaldamento autonomi, telefono, portineria servizio 24 ore su 24.

Pernottamento con Happy Hour, Parcheggio moto, auto, pullman, Citybikes, Saletta Riunioni, Internet Point, Wi-fi, Servizio Massaggi.


HOTEL MARGARETH ***  Via Lungomare Costituzione

ang. via Mascagni 2 – 47838 – Riccione

Tel: +39.0541.645300  Fax: +39.0541.645369
hmargareth@hotelmargareth.com

 

 

 

 

By

Ubriacamento collettivo

L’eccesso di lavoro, la diminuzione del proprio tempo, la distruzione dell’ambiente sono figli bastardi della crescita e del debito nel nostro tempo.
Conosciamo solo una società dei consumi nella quale i cittadini hanno ipotecato il futuro per beni non necessari. Lo sviluppo di questa società è un furto di energie, tempo, pensieri. Perché crescere? Per quale fottuto motivo bisogna lavorare come schiavi per 40 anni e più e poi morire? Per i profitti delle multinazionali? Per la politica elettorale dei partiti legati mani e piedi alle lobby? Che significato ha questa fantomatica crescita? Nessuno. Un ubriacamento collettivo, un sabba infernale del debito eterno senza risorse.
Uno degli aspetti più micidiali dell’attuale cultura, è di far credere che sia l’unica cultura… invece è semplicemente la peggiore.
Gli esempi sono nel cuore di ognuno… per esempio il fatto che la gente vada a lavorare sei giorni alla settimana è la cosa più pezzente che si possa immaginare.
Come si fa a rubare la vita agli esseri umani in cambio del cibo, del letto, di quelle scatolette con cui immettersi nel traffico?!
Dovremmo sempre pensare, con una coscienza perfetta:
“Questi stanno rubandomi la vita, in cambio di qualche euro al mese e di un’illusione di benessere futura, mentre io sono un capolavoro il cui valore è inenarrabile”.

20110908-013323.jpg

By

Apprendista automunito con esperienza decennale, laurea e 3 lingue!

Un ossimoro dei tempi moderni.

Più volte negli ultimi anni ho visto annunci di lavoro pubblicati  e convalidati di fatto nelle bacheche del Centro per l’impiego di Rimini con delle falle di incongruenza tra capacità lavorative richieste e tipologia di contratto offerto.

Ricerche per direttori commerciale che soddisfino il requisito di apprendistato, per esempio.

La figura di apprendistato non può ne per esperienza maturata ne per responsabilità adempire a tale compito. Per di più spesso è richiesta autonomia, laurea in economia e commercio, predisposizione al ruolo e la disponibilità alle trasferte. Il tutto unito a pregresse esperienze, conoscenze informatiche, varie lingue straniere e l’uso dell’AUTOMOBILE. Dio grazie conoscere bene l’Italiano, dico io….

Nulla da togliere alla categoria degli apprendisti ma sono capacità e ambiti non confacenti alla loro categoria che dovrebbe essere formata, guidata e accompagnata all’ingresso nel mondo del lavoro.

Non mi capacito come il centro dell’impiego permetta l’inserimento di tali annunci. Frustranti per i giovani in cerca di occupazione, fuorvianti per chi ha raggiunto un certo grado di maturità lavorativa professionale. La moglie piena e la botte ubriaca farebbero comodi a tutti ma sarebbe ora che le aziende del territorio, invece di cercare escamotage per pagare meno tasse allo stato, investissero nella forza lavoro giovane e capace di dare un futuro alla società invece di creare disagio sociale (per i lavoratori) e incompetenza professionale (per la aziende e i relativi clienti).

Tanto tra l’incudine e il martello ci stanno i giovani….

 

Un altra riflessione:i lavori che richiedono personale automunito dovrebbero offrire contratti ad enasarco… ma addirittura apprendistato!!!!

Fuori di ogni possibile buon senso!