CWM

Vale Riccione

Siti Web & Consulenza Web Marketing

By

Buona Pasqua… Solidale e Salutare!

Le diete vegetariane correttamente bilanciate sono salutari, adeguate dal punto di vista nutrizionale e comportano benefici per la salute nella prevenzione e nel trattamento di alcune patologie.

I vegetariani sono più sani e hanno molte meno probabilità di avere problemi cardiaci. Un terzo delle probabilità in meno per la precisione. Lo dice lo studio EPIC-Oxford condotto in Gran Bretagna su 45.000 persone, di cui il 34% vegetariani, secondo cui il cuore dei vegetariani è più sano di chi mangia pesce e carne. Si tratta del più grande studio condotto finora per valutare in che modo le abitudini alimentari possano influenzare la nostra salute. E a ben vedere non è nemmeno l’unico. Sul web si trovano tantissimi studi che “confermano” l’effetto protettivo della dieta vegetariana, in particolare sulle malattie che riguardano l’apparato cardiovascolare. La scelta vegetariana è una vera e propria filosofia di vita: una filosofia in cui l’amore per la sapienza e per la conoscenza e l’accoglienza di sè, degli altri, del mondo con le sue leggi naturali e metafisiche, sfuma completandosi nell’amore verso gli animali dimostrando una scelta etica che esprimerebbe una personale consapevolezza superiore.

Inoltre non mangiare carne è una scelta solidale perchè potrebbe portare ad affrontare in altro modo il problema della fame nel mondo, visto che tanti squilibri tra paesi ricchi e paesi poveri dipendono anche dalla diffusione di allevamenti intensivi che sottraggono proteine vegetali all’alimentazione umana. E’ quindi una scelta solidale da un punto di vista ecologico perchè potrebbe portare ad affrontare problemi in parte causati anche dall’utilizzo di vasti territori per l’allevamento, quali deforestazione, desertificazione, inquinamento.

E’ una scelta per la salute perchè tiene conto della nostra predisposizione costituzionale all’alimentazione vegetariana. Infatti comparando le nostre unghie, la nostra dentatura, il nostro apparato digerente non possiamo dirci certamente degli animali carnivori, pur potendoci adattare, per motivi ambientali, all’onnivorismo; siamo invece una specie particolare di frugivori-granivori, cio’ dovremmo cibarci di frutti e grani della terra ( frutta, verdura,cereali, legumi, semi etc

Provare per credere, buona Pasqua.

Vegetariano

20130331-154247.jpg

By

Terremoto in Emilia e gli animali, come intervenire per aiutarli

Terremoto in Emilia Romanga e animali domestici. È stata ancora una notte insonne quella appena trascorsa per gli abitanti dell’Emilia, dove si cerca ancora l’ultimo disperso e il bilancio è di 16 morti e 350 feriti. Dalla mezzanotte scorsa l’Ingv, Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, ha registrato oltre 60 scosse, con epicentro situato nella zona interessata dal terremoto. Un evento, questo, che ha colpito e sta colpendo anche gli animali.

Molti, per la paura, sono scappati da casa, in migliaia sono rimasti feriti o imprigionati dalle macerie, tantissimi esemplari si trovano ancora nelle stalle pericolanti. Cosa si può fare per loro?

Per cominciare, l’Associazione protezione del gatto (Apg) di Modena e l’Associazione protezione animali carpigiana (Apac) si propongono di aiutare le famiglie che hanno perso o dovuto abbandonare il loro gatto durante il terremoto a recuperare e a custodire il proprio animale fino al ritorno alla normalità. E si rendono disponibili inoltre ad occuparsi dei gatti rimasti senza mezzi di sussistenza, garantendo alimentazione, ricovero ed eventuali cure mediche. Le due associazioni hanno anche attivato un punto di ascolto per le segnalazioni di smarrimento, ritrovamento, avvistamento e per le richieste di intervento, attivo il lunedì dalle 14 alle 19, il martedì e mercoledì dalle 16 alle 19 e il venerdì dalle 14 alle 19. Il numero del punto di ascolto è 059/255769 e permette di parlare con l’Apg, mentre per mettersi in contatto con l’Apac, si può telefonare allo 320425403 e allo 3204620803 o scrivere all’indirizzo e-mail stregattara@gmail.com.

Per quanto riguarda i canili, a quanto pare non ci sarebbero stati gravi danni, ma i cani iniziano ad essere troppi, dal momento che si sono aggiunti anche quelli dei privati. Per questo motivo, come riporta il blog I cittadini prima di tutto, si sta allestendo un accampamento davanti al canile, ma servono cucce, antiparassitari, medicinali, cibo e molto altro. Per chi volesse aiutare i volontari della LAV di Modena, il punto di raccolta del materiale è la sede LAV di Modena, via Canaletto 100, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13, per favore avvisare prima al 320/4795021. E’ possibile contribuire agli aiuti, anche attraverso una donazione sul conto corrente LAV MODENA (IT14W0538712998000000680238) specificando la causale del versamento ( “Animali terremotati”), così sarà possibile acquistare direttamente il materiale necessario per fronteggiare l’emergenza.