CWM

Vale Riccione

Siti Web & Consulenza Web Marketing

By

InGoogle indicizzazione e inserimento su Google

Indicizzazione e inserimento su Google con creazione e ottimizzazione del sito web, campagne AdWords, Google Place for Business e Analytics.

By

CWM – Consulenza Web Marketing Riccione

CWM

Consulente Web Marketing a Riccione per la consulenza sul posizionamento di siti web nei motori di ricerca su internet come Google, Yahoo, Bing e Ask attraverso l’indicizzazione del sito internet aziendale o turistico  con l’ottimizzazione delle risorse e la pubblicità online come campagne PPC low cost

20120107-002024.jpg

By

Vietato nominare Facebook e Twitter in vano

Era ora!

Il governo francese ha decretato che fare esplicito riferimento a Facebook o Twitter nel corso di una trasmissione televisiva oppure radiofonica è considerato reato (se non si tratta di un servizio d’informazione incentrato sui social network). La sentenza deriva da una legge del 1992 sulla pubblicità occulta. I nomi delle due piattaforme sono dunque banditi, perché considerati come pubblicità occulta.

La trovo una regola giusta, al pari di descrivere un “negozio di abbigliamento” invece della Benetton o di una bibita invece della Coca Cola.

Ci sono addirittura giornalisti che nei telegiornali preparano dei servizi continuando ancora oggi a fare confusione tra ipod e lettore mp3…. apple non è l’unica ad avere lettori audio digitale.

E’ come parlare di automobili dicendo Fiat. Bisogna sapere COSA dire prima di dirlo.

By

Come misurare la popolarità sui Social Network

12 semplici e immediati espedienti per misurare la propria popolarità sul web 2.0

  • Twittersearch – Una delle piattaforme più conosciute per ottenere informazioni preziose sulla popolarità del tuo account twitter. Ovviamente ti conviene utilizzare le tante opzioni della sezione advanced;
  • KeoTag – Basta inserire il tuo brand nella barra di ricerca e selezionare il social network che ti interessa per generare i primi risultati. Funziona anche come tag e social bookmark link generator.
  • FriendFeed – L’unico modo che conosco per monitorare la tua attività su FriendFeed è attraverso il motore di ricerca interno di questa piattaforma. Quando scrivi la tua query non fare l’errore di cercare solo all’interno dei tuoi aggiornamenti o a quello dei tuoi amici (praticamente devi scegliere l’ultima opzione del menu a tendina). Per la cronaca cito anche FFHolic ma restituisce risultati decisamente discutibili;
  • Facebook – La funzione di ricerca interna ha subito notevoli implementazioni ed ora, per ogni query, è possibile visualizzare i risultati che si riferiscono a persone, gruppi e bacheche. Ciò significa che se cerchi “My Social Web” compare la mia Fan Page e i diversi aggiornamenti effettuati sul profilo di qualsiasi utente. Voglio anche segnalare Facebook Lexicon che osserva le parole utilizzate da persone, gruppi ed eventi. La grande novità consiste nella possibilità di creare associazione di termini che appaiono con una certa frequenza insieme nello stesso periodo (iPod e musica);
  • Trendrr – Uno strumento professionale che permette di monitorare la popolarità delle tue keyword nel social network buzz in tempo reale. Si può anche creare un confronto tra parole-chiave concorrenti delineare possibili relazioni tra variazioni di popolarità e operazioni neffettuate (molto utile) e raccogliere informazioni dei tuoi followers. Offre un’opzione gratuita e una a pagamento;
  • Xinu Returns – Un sito molto semplice da usare: basta che inserisci l’url del sito per ricevere numerose informazioni sulla diffusione in diversi social network, sul posizionamento nei motori di ricerca e sull’ottimizzazione dei principali parametri HTML;
  • Tubemogul – Indispensabile per gestire i video su Youtube e altri servizi per l’hosting video. Infatti, oltre a una marea di informazioni sulle visualizzazioni e sui commenti, Tubemogul permette di caricare in un solo click il tuo materiale su Youtube, Yahoo! Video, MySpace TV, Metacafe, Google Video, Revver, DailyMotion, Blip e Brightcover. Non puoi farne a meno se vuoi monitorare l’andamento dei tuoi video viral! Maggiori informazioni sull’ottima pagina tutorial;
  • Boardtracker – Una piattaforma completamente dedicata al tacking delle tue attività sui forum. Non lo conosco ma credo che sia uno strumento molto utile che permette anche di salvare i threads e impostare degli alert via email o icq per le keyword di interesse, in modo da essere aggiornati in tempo reale su eventuali aggiornamenti. Necessita di registrazione gratuita e offre una buona sezione di Advance Search;
  • Delicious – Questo bookmark sociale offre 2 strumenti per la misurare la diffusione dei tuoi link: il motore di ricerca interno e l’indicatore numerico che si trova in prossimità di ogni submission. Praticamente ogni volta che inserisci un nuovo link, Delicious ti indica quanti utenti hanno già fatto la tua stessa scelta e quali tag hanno utilizzato per archiviarlo.
  • Trackur – Va bene, non è un servizio gratuito, ma se lavori con i social network forse ti conviene dare uno sguardo a questa piattaforma che offre monitoraggio completo di tutti i tuoi social network, ricerche per associazioni ed esclusioni di termini, alert via email e feed rss, ispezione dei bookmarks e tanto altro ancora per tre possibili utilizzi: Personal, Corporate, Enterprise e Agency. Se ti interessa la cosa ti lascio la tabella dei prezzi
  • HowSociable – Ispeziona 22 social network attraverso un operatore di ricerca Yahoo! – tipo site:twitter.com “nomebrand” – e ne riproduce i risultati in forma schematica. Anche se per alcuni aspetti è sicuramente embrionale (un blog poco curato e informazioni iniesistenti), ammetto che solo con HowSociable sono riuscito a scoprire alcuni link sepolti nella rete dei miei contatti social!

By

World map of Social Networks

Verifichiamo la situazione dei social network nel mondo.


La marcia di Facebook verso la conquista di nuovi territori non accenna a fermarsi (sono 111 su 131 le nazioni in cui risulta dominante). In questi mesi ha avuto la meglio su reti sociali locali che sembravano difficili da scavalcare come Friendster nelle Filippine, Wretch a Taiwan, One in Lituania o Hi5 in Portogallo, Peru, Romania, Tailandia.

Ad Orkut ha strappato l’Estonia e forse l’India (qui i dati sono discordanti).
I paesi che resistono sono quelli dell’ex Unione Sovietica, affezionati a Odnoklassniki e V Kontakte, e in Europa l’Ungheria, la Polonia e l’Olanda.

Per alcune nazioni ho provato ad analizzare anche i follower di Facebook ed ho scoperto che, a distanza di un anno, Twitter ha iniziato ad avere la meglio su MySpace (in Australia e Canada) e su Bebo (in UK). In alcuni casi al terzo posto si affaccia lentamente anche Linkedin. Nel nostro paese a molta distanza da Facebook la lotta è tra Badoo e MySpace.

[L’analisi completa qui]

By

ADV on Twitter, il Web Advertising diventa sintetico.

Twitter ha deciso di autofinanziarsi proponendo dei messaggi promozionali che sanno di Haiku (una celebre forma di poesia breve giapponese).

A breve, infatti, faranno il loro ingresso su Twitter delle Adv i cui testi non supereranno i 140 caratteri – meno degli SMS.

twitter adv

In questa fase iniziale di “sperimentazione pubblicitaria” – però – i messaggi promozionali appariranno solo tra i risultati delle ricerche effettuate dall’utente.

Se – ad esempio – cercate informazioni relative ad particolare notebook, tra i risultati ottenuti troverete anche dei “promoted tweet“, dei messaggi promossi da aziende che intendono sponsorizzare il loro prodotto ma che – per farlo – potranno usare solo 140 caratteri.

Si tratta di una bella sfida per i copywriter e – tutto sommato – è anche una buona notizia per gli utenti, i quali non avranno a che fare con i soliti, fastidiosi pop-up, ma con brevi messaggi non invasivi che possono scegliere di ignorare o di approfondire.

By

Statistiche Social Network uomini e donne

300 milioni di utenti sono davvero tanti.

Le persone su Facebook possono comunicare tra loro in maniera semplice e veloce con chat e messaggi.
Qual è, però, la percentuale di utenti maschi e femmine che decidono di usare il social network?

Una statistica, elaborata da Pingdom, rivela i dati del bilancio tra uomini e donne iscritti a 19 reti sociali: Facebook, LinkedIn, MySpace, Twitter, Slashdot, Reddit, Digg, Delicious, StumbleUpon, FriendFeed, Last.fm, Friendster, LiveJournal, Hi5, Imeem, Ning, Xanga, Classmates.com, Bebo.
I risultati di tale ricerca svelano le percentuali di utenti che entrano a far parte dei social network, descrivendone la concentrazione in termini di genere:

1. I social sites che si occupano di divulgare informazioni e news registrano un più alto tasso di maschi rispetto alle donne. Sladshot la fa da padrone con 82% di utenti uomini.

2. L’84% degli iscritti su 16 dei 19 siti studiati sono donne.

3. Twitter e Facebook hanno, più o meno, la stessa concentrazione di utenti donne: il primo registra un tasso del 59%, il secondo del 57%.

4. Sul totale dei 19 siti analizzati il valore degli iscritti si divide tra 47% uomini e 53% donne.

5. Il sito con la maggior concentrazione di utenti di sesso femminile è Bebo con una percentuale del 66%.

Una domanda: quale sarà il fattore chiave che spinge, di più un genere rispetto all’altro, ad iscriversi ad un social network?

Sarebbe interessante scoprirlo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Follow Twitter Vale click on…