CWM

Vale Riccione

Siti Web & Consulenza Web Marketing

By

italia vs Russia arroganza contro Rotenberg

La guardia di finanza ha eseguito il congelamento di beni per 30 milioni di euro posseduti in Italia da Arkadi Rotenberg, amico del presidente russo Vladimir Putin e al quinto posto nella lista degli imprenditori colpiti da sanzioni dell’Unione Europea.

Tra i beni posti sotto sequestro un lussuoso albergo a Roma e alcune ville in Sardegna.

Ue e italia contro investitori Russi per colpire Putin dopo le vicende dell’Ucraina

Il provvedimento, eseguito dalla Gdf, fa riferimento al regolamento n.269 del 2014 adottato dall’Unione Europea e consiste in “misure per prevenire, contrastare e reprimere il finanziamento del terrorismo e l’attività di Paesi che minacciano la pace e la sicurezza internazionale”.

Tra i beni congelati in Italia a Rotenberg vi sono il Berg Luxury Hotel, albergo a quattro stelle nel centro di Roma, un immobile a Tarquinia, una villa a Villasimius e due a Porto Cervo.

Riflessioni:

1) Con quale diritto si congelano beni altrui di chi ha scelto di INVESTIRE nel nostro paese? Tra l’altro un investimento che genera lavoro e ricchezza a dipendenti italiani.

2) Questioni territoriali si dovrebbero risolvere tra stato e stato senza rivalersi contro privati dalla fantomatica vicinanza ad una fazione politica.

3) Con quale criterio si sceglie chi congelare e chi no? Ci sono mighliaia di imprenditori o privati russi che hanno acquistato bene immobili in italia, qual’è la metodologia nello scegliere chi colpire? Un’azione senza metodo è tipica di chi non ha la capacità di trattare tutti allo stesso modo e di creare ingiustizie fiscali.

Uno sputo in faccia con arroganza occidentale

By

Riviera da amare

Tutte le notizie sono del 10 agosto 2014, il weekend prima di ferragosto 2014… Buone vacanze in Riviera romagnola!

IMG_2219-0.PNG

IMG_2220-0.PNG

IMG_2218-0.PNG

IMG_2217-0.PNG

IMG_2213-0.PNG

IMG_2215-0.PNG

IMG_2214-0.PNG

By

Trova il comune denominatore degli articoli

Articoli su AltaRimini tra l’1 e io 2 gennaio…
Trovate un denominatore comune?!

20140102-150301.jpg

20140102-150309.jpg

20140102-150315.jpg

20140102-150324.jpg

20140102-150332.jpg

By

Spari alla porta di Valerio Morelli dei 5 stelle e i giornali tacciono

“Solidarietà massima a Valerio Morelli consigliere comunale del Movimento 5 Stelle a Lizzano. Questa notte qualcuno ha sparato con un fucile a canne mozze alla sua porta di casa , per fortuna Valerio e la famiglia non erano nell’abitazione. Non so ancora cosa sia successo in dettaglio, ma mi sembra chiaro che questo sia un segnale ben preciso e intimidatorio contro chi vuole cambiare realmente le cose a Lizzano. Qualunque cosa sia successa oggi è un giorno dove tutti insieme dobbiamo gridare ancora più forte che la MAFIA è UNA MONTAGNA DI MERDA, VALERIO SIAMO CON TE!!!”

La stampa per ora tace.

Parliamone noi su Twitter: usiamo l’hashtag #VALERIOMORELLI per esprimere la nostra solidarietà a lui e alla sua famiglia. Di qualsiasi fede politica voi siate, è un episodio inaccettabile che va denunciato con forza.

By

Google News, raccolta di notizie inutili

Nella sezione esteri di Google News troviamo:

ma: nessuna notizia sullo scandalo di corruzione in Spagna!

 

By

Caricature indecenti di un’italia blasfema che dal ridicolo è diventata grottesca

Abbiamo sorpassato il limite del ridicolo, abbiamo raggiunto la follia allo stato puro.

Miss santanchè, mister brunetta… Caricature indecenti di un’italia blasfema che dal ridicolo è diventata grottesca.

Tutti si lamentano sempre della lentezza della giustizia italiana, una volta che la stessa è veloce si grida al golpe!

Sicuramente è strana la velocità con cui la magistratura ha fissato la data di udienza al 30 luglio per Berlusconi (questo è palese e il pdl ha ragione), ma invece che rimanere sbigottiti dovrebbero essere soddisfatti che una volta ogni tanto la giustizia in italia fa in alcuni mesi quello che di solito fa in anni. Almeno non si manda in prescrizione quello che non si vorrebbe affrontare..

Ovviamente è la paura a di perdere il proprio leader che fa smuovere questi burattini a carica gridando allo scandalo. Invece che parlare di legge ad personam sarebbbe meglio pensare alle priorità invece che nascondersi dietro qualche centinaia di euro dell’imu. L’ultimo problema degli italiani.

Basterebbe buttare a mare personaggi scomodi, probabilmente corrotti e VECCHI come berlusconi per non parlare di persecuzione nei confronti del proprio movimento.

Il motivo.
La paura di non prendere i suoi voti è tanta dato che questi personaggi non hanno carisma per convincere masse sempliciotte di italiani ingenui e creduloni.

By

Sito web per condomini tra le novità condominiali

Condominio, cambia tutto: vietato vietare animali e l’ok alle parabole sui balconi.

ARRIVA IL SITO WEB CONDOMINIALE

Nel Paese dei proprietari di casa (possiede un immobile circa il 75% dei cittadini ) può apparire un paradosso che ci siano voluti 70 anni per riformare le norme che disciplinano la vita dei condomini. Ma tant’è: meglio tardi che mai.
Scatta il 18 giugno il provvedimento organico che mette finalmente ordine in una materia che fino ad oggi è stata regolata da una ventina di articoli del codice civile rimasti pressoché invariati dal 1942. La riforma è molto importante perché riguarda i rapporti fra 30 milioni di italiani che convivono nei palazzi. E tocca vari punti tra i quali gli amministratori, le assemblee, i lavori condominiali, il riscaldamento, fino alle decisioni sugli inquilini morosi a sulla presenza di animali domestici.

SITO WEB

L’assemblea potrà decidere l’apertura di un sito internet condominiale, curato dall’amministratore. Non dovrà essere un sito-vetrina ma servirà alla pubblicazione online di tutta la documentazione assembleare (verbali, delibere) e dei dati contabili (estratto conto, situazione pagamenti). Ogni condomino potrà accedervi con una password. Per l’attivazione del sito è necessario il 50% + 1 dei votanti.

QUORUM

La vita negli edifici in cui vivono circa 30 milioni di italiani sta per cambiare. Nuove regole in arrivo per gli amministratori, le assemblee, la gestione economica e più in generale per ciò che ciascun condomino può o non può fare. L’intervento legislativo, in particolare, modifica profondamente la figura dell’amministratore di condominio. Il quale, oltre a non poter esercitare la propria attività in presenza di reati penali contro il patrimonio, sarà sottoposto ad obblighi molto più stringenti in fatto di trasparenza sulla gestione finanziaria.
Una delle novità più importanti è relativa al cambiamento del quorum per la validità dell’assemblea e delle sue delibere: per la costituzione delle assemblee, servirà sempre più del 50% dei condomini.

ANIMALI

Sarà vietato vietare con regolamento condominiale la presenza di animali domestici nelle abitazioni, mentre il singolo condomino potrà installare una parabola su iniziativa personale. Tutte le entrate e le uscite del condominio devono passare su un conto corrente bancario intestato al condominio, mentre per quanto riguarda le innovazioni che riguardano la sicurezza, la salubrità, la rimozione delle barriere architettoniche, il risparmio energetico, i parcheggi, le antenne e gli impianti telematici centralizzati sarà sufficiente il voto dell’assemblea col 50% + 1 degli intervenuti.

IL VERBALE

Le delibere nulle potranno essere impugnate senza limiti di tempo da chiunque ha un interesse da dimostrare. Le delibere annullabili (contrarie alla legge o al regolamento di condominio) potranno essere impugnate dai condomini dissenzienti o dagli astenuti, entro 30 giorni dalla data di deliberazione, e dagli assenti entro 30 giorni dalla data di comunicazione del verbale.

Nei confronti dei condomini in ritardo col pagamento delle spese condominiali, dopo 6 mesi dal rendiconto in cui risulta la morosità, l’amministratore ha l’obbligo di richiedere il decreto ingiuntivo, salvo dispensa assembleare. Gli impianti di energia da fonti rinnovabili potranno essere installati sulle parti comuni anche se destinati ad alimentare singole unità immobiliari.

IMPIANTI TV

E’ stata ampliata la definizione di parti comuni comprendendo anche le antenne e gli impianti telematici e i sottotetti con caratteristiche strutturali e funzionali comuni. Per cambiare la destinazione d’uso delle parti comuni serve il voto dell’80% dei partecipanti. Il singolo condomino potrà staccarsi dall’impianto centralizzato di riscaldamento se il suo appartamento non è sufficientemente riscaldato per problemi tecnici dell’impianto condominiale e se il distacco non comporta squilibri che compromettono la normale erogazione di calore agli altri appartamenti.

Se il distacco comporta una spesa aggiuntiva, chi si separa deve partecipare alle spese di manutenzione straordinaria dell’impianto. Le violazioni al regolamento condominiale verranno sanzionate con multe da 200 fino a 800 euro in caso di recidiva.

By

Suicida a Riccione per i debiti con Equitalia

Suicida a Riccione per i debiti con Equitalia

L’hanno trovato questa mattina alla 7 in una pozza di sangue. È sceso nel suo garage e si è dato una coltellata al collo perché non poteva pagare l’ennesimo conto inviato da Equitalia, proprio oggi. L’uomo, un 60enne originario di Reggio Emilia, ma residente da qualche mese a Riccione, consulente aziendale per sistemi idraulici, aspettava da mesi di essere pagato dalla ditta per cui aveva lavorato. Il bonifico di 4mila euro gli era stato promesso proprio per questa mattina, ma non era arrivato.