CWM

Vale Riccione

Siti Web & Consulenza Web Marketing

By

Oggi non c’è sole intorno a me

Oggi non c’è sole intorno a me
salvami, risplendi e scaldaci,
voglio il sole, cerco nuova luce nella confusione di un guaglione.

E oggi è come ieri ma forse è un’impressione frutto della mente di un guaglione
sarà che non c’è il sole sarà che tutto sembra resti uguale
sarà quel che sarà sono preso male
ma nessuno chiama e non so chi chiamare
cerco di schiodarmi e penso solo a quello che ho da fare
uh Gesù Gesù, sono io la vittima dei demoni che tornano e che vengono a tirarmi giù
i miei cattivi pensieri che mi aspettano braccano,
parlano e parlano
dove sono i raggi che scaldavano un guaglione
dove sono gli altri della mia ballotta mo’ che sono nel ciclone
in dopa trovo la mia cura
in dopa mischio le radici e la cultura,
l’energia pura la musica mi detta le parole
caccio queste rime e so che prima o poi ritorna il sole.

By

Riccione Inn Jazz Summer 2013 – Rassegna di musica jazz

Dal 27 giugno all’ 1 agosto 2013 a Riccione in Piazza Fontanelle, Via Sicilia con apertura alle ore 19.00 ed inizio concerti alle ore 21.30 si svolgerà “RICCIONE INN JAZZ SUMMER 2013”, una rassegna di musica jazz.

Riccione JazzQuattro serate a ingresso gratuito per appassionati e grande pubblico con musicisti di primo piano della scena italiana, ospiti internazionali, produzioni originali e un repertorio ad alto gradimento.

PROGRAMMA delle serate:

ore 19.00: aperitivo romagnolo e il dj set rigorosamente jazz di Unforgotable Dj.
ore 20,30: warm up in compagnia di musicisti e cantanti che si apriranno al confronto con il pubblico per introdurre i contenuti della serata, rispondere a domande, soddisfare curiosità
dalle ore 21,30: spazio alla musica dal vivo.

Giovedì 27 giugno, ore 21,30 : “Riccione Jazz Orchestra – East Coast Big Band” al debutto in casa con il suo Henry Mancini Big Band Project

Giovedì 4 luglio, ore 21,30 : “JazzLife Sextet feat. Gegè Telesforo”

Giovedì 18 luglio, ore 21,30 : “Jazzing The Beatles”, le canzoni dei Fab Four reinterpretate da autentici fenomeni del jazz odierno
Giovedì 1° agosto, ore 21,30 : “Massimo Tagliata Trio”, una serata tra tango e jazz

A breve vi informeremo sulle singole band, con un po di curiosità ed informazioni!

Ingresso libero; in caso di maltempo i concerti avranno luogo al Teatro del Mare

By

Molo Street Parade 2013 a Rimini

Oltre 100.000 persone tra ragazzi, ragazze, giovane e meno giovani si sono date appuntamento l’anno scorso sul molo di Rimini per ballare sulle note dei più famosi dj d’Europa e partecipare alla Molo Street Parade, la grande manifestazione che ha aperto ufficialmente la forunata stagione riminese piena di spettacoli e ricca di eventi che ritorna anche quest’anno, il 29 giugno 2013.

Quando

Appuntamento al 29 giugno 2013 a Rimini con la Molo street Parade Djset & Sardoncino, il primo grande evento dell’estate 2013, davvero da non perdere!

Formula

Nata da un’idea alquanto originale, la Molo Street Parade è la sintesi perfetta tra tradizione e innovazione: i pescherecci storici ormeggiati al porto diventano delle grandi consolle galleggianti pronte ad ospitare deejay di fama internazionale. Il felice connubio tra musica e tradizione gastronomica si concretizza sulla terraferma dove protagonisti sono i sardoncini, il pesce azzurro più popolare sulle tavole romagnole.

Non mancheranno stand gastronomici che serviranno sardoncini alla griglia, piadina e sangiovese mentre il popolo della notte balla sotto le stelle, nella più grande discoteca a cielo aperto di tutta la Romagna. I generi musicali si mescolano tra loro, dal rock all’elettronica, dal pop all’afro, dalla deep house all’indie: ogni vostro desiderio musicale sarà soddisfatto in una notte magica, di quelle che non dimenticherete facilmente.

Vacanza ultimo weekend di giugno 2013

E se ti vuoi concedere il relax di una vacanza, puoi scoprire Rimini e Riccione, conoscere la Romagna, ma allo stesso tempo puoi non rinunciare ai divertimenti e alle feste, l’ultimo weekend di giugno 2013 è l’ideale!

molo street parade

By

Cos’è la vita senza amore?

Nada

By

Cos’è Spotify? Semplicemente “Musica per ogni momento”

Spotify è un servizio musicale digitale che consente di accedere a milioni di brani on demand in streaming e download tra brani di varie case discografiche ed etichette indipendenti, incluse Sony, EMI, Warner Music Group e Universal.

Lanciato nell’ottobre 2008 dalla startup svedese Spotify AB, a febbraio 2013 il servizio è disponibile in Australia, Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Isole Faroe, Italia, Norvegia, Nuova Zelanda, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svezia, Svizzera e Stati Uniti.

La musica può essere visualizzata per artista, album, etichetta, genere o playlist così come grazie a ricerche dirette. Sui dispositivi desktop un collegamento permette all’ascoltatore di acquistare materiale selezionato presso venditori di terze parti.

Un periodo di prova gratuito di sei mesi viene attivato al momento dell’accesso con un account Facebook, durante il quale l’utente può ascoltare una quantità illimitata di musica grazie alla pubblicità visiva e simil-radiofonica. Dopo questo periodo, Spotify ha un limite di ascolto di dieci ore al mese.

L’abbonamento “Unlimited” rimuove la pubblicità e i limiti di tempo, mentre l’abbonamento “Premium” introduce ulteriori funzioni come lo streaming con maggiore bitrate (fino a 320kbps), l’accesso offline alla musica e le applicazioni mobili. Anche se …. per me un lettore mp3 senza i Beatles è come la birra senz’alcool!! Lavoriamoci su!

Spotify

By

Auguri Lucio!!!

By

L’AGCOM fa paura a chi ha la coscienza sporca!

Ho la fastidiosa abitudine di andare a leggere i contenuti inerenti alle campagne informative(?) lanciate sul web e ancora una volta dopo la “legge bavaglio” o la questione acqua, voglio puntualizzare quello che credo sia più giusto secondo i miei canoni comportamentali e sociali. Una sorta di opinione etica espressa soggettivamente, criticamente e soprattutto LIBERAMENTE attraverso il web!

Intanto come prima cosa credo sia doveroso cercare il testo del regolamento e LEGGERLO, poi con la dovuta calma ragionare un attimo senza seguire gli impulsi di urlare al lupo al lupo (come andrebbe fatto in tanti altri casi) e confrontare l’oggetto in questione con le propria etica morale.

Social come Twitter, Facebok, tutto il web, un clamoroso tam tam che sta creando allarmismo parlando di terrorismo multimediale sull’ultima mossa dell’ AGCOM in merito al comunicato sul diritto d’autore e tutti quanti subito pronti urlano allo scandalo…..Addirittura si parla di libertà di internet e di arroganza!La libertà è esprimere i propri pensieri( come sto facendo io) e non appropriarsi dei materiali altrui.

Partendo dal presupposto che sono per il Free Sharing e credo che il bello del web sia la condivisione di contenuti, non possiamo ignorare la spinosa questione della legalità nella fruizione dei contenuti da parte di chi se ne frega e decide di scaricare un qualcosa che viene normalmente commercializzato. Siamo sullo stesso piano di un furto.

Entrare al Blockbuster e pretendere di uscire dal negozio senza pagare il DVD non si fa. Basterebbe andare in biblioteca o in cineteca e noleggiare un dvd per la visione privata, questo si.

Vorrei vedere se voi foste gli scrittori o i registi, i produttori, attori o semplici comparse che avete lavorato per un lavoro  e quotidianamente subiste un furto sul vostro lavoro.

Non credo sia giusto urlare allo scandalo per questo regolamento, mi sembra abbastanza sensato e non dice niente di nuovo se non cercare di regolamentare il web. Non è detto che una cosa regolamentata non sia libera.

Di fatto il regolamento dell’AGCOM cerca di contrastare la pirateria dei download illegali e i siti che ospitano tali contenuti, come criticare tale concetto? A meno che non siate dell’idea che non esista la proprietà, non esistono diritti d’autore, ne il diritto di rivendicare i propri contenuti.

Intanto l’AGCOM non è il governo (a proposito di informazione) e la regolamentazione che permetterebbe all’Autorità per le Comunicazioni di rimuovere contenuti sospetti di violazione del copyright dai siti internet senza alcun controllo giudiziario è un bene se il controllo giudiziario dev’essere lento, inefficiente e burocratico come lo è da 40 anni a questa parte. Sarebbe una spesa esagerata e inoltre si chiede di sovvenzionare il modo dello spettacolo e quale modo migliore che fare pagare la fruizione dei contenuti?!

NO ALL’ASSISTENZIALISMO, SI ALLA PROMOZIONE.

Ma forse ci fa più comodo dire che i tentacoli mirano alla libertà di internet  piuttosto che smettere di scaricare i film e tornare ad acquistarli o noleggiarli. Magari è la volta buona che riprendiamo in mano un buon libro formato mattoncino che non dura solo una sera ma che ci accompagna per un pò di tempo facendoci riflettere di più e sussurrandoci che si stava meglio quando si stava peggio.

Buon download a tutti, in fondo alla pagina per i più arditi c’è il tanto temuto PDF scaccia download!

Diritto d’autore: approvato schema di regolamento, 60
giorni per la consultazione
 Nessuna inibizione dell’accesso ai siti Internet
 Misure per la promozione legale e a costi ridotti dei contenuti
digitali
 Possibile ricorso al giudice in ogni fase della procedura
 Siti esteri: prima il richiamo, poi segnalazione alla
magistratura
 Calabrò: “Eliminate ambiguità e possibili criticità, ora
confronto a tutto campo”
Il Consiglio dell’’Autorità per le Garanzie nelle comunicazioni, presieduto da
Corrado Calabrò, nella sua riunione odierna, ha approvato a larghissima
maggioranza (7 voti a favore, un astenuto e uno contrario) uno “schema di
regolamento in materia di tutela del diritto d’autore sulle reti di
comunicazione elettronica”. Il provvedimento sarà sottoposto a
consultazione pubblica, della durata di 60 giorni dalla sua pubblicazione
nella Gazzetta ufficiale, con l’obiettivo di acquisire tutte le proposte e le
osservazioni dei soggetti interessati e di consentire così un’occasione
aggiuntiva di confronto puntuale sul testo.
Lo schema di regolamento è stato infatti rielaborato a seguito della
consultazione pubblica sui “lineamenti di provvedimento” che ha visto la
UFFICIO COMUNICAZIONE
E RAPPORTI CON I MEZZI DI
INFORMAZIONE
stampa@agcom.it
www.agcom.it
Tel. 06 – 69644919
partecipazione di 55 soggetti in rappresentanza, a vario titolo, delle
diverse comunità e gruppi di interesse.
Il presidente Calabrò ha dichiarato: “Abbiamo messo a punto un testo
attentamente riconsiderato, dal quale sono state eliminate ambiguità e
possibili criticità, fugando così qualsiasi dubbio sulla proporzionalità e sui
limiti dei provvedimenti dell’Autorità e sul rapporto tra l’intervento
amministrativo e i preminenti poteri dell’Autorità giudiziaria. L’articolato
verrà ora sottoposto a una nuova consultazione pubblica che prevede un
ampio termine per far pervenire osservazioni e suggerimenti. E’ nostra
intenzione stimolare un dibattito approfondito e aperto a tutti i contributi e
a tutte le voci della società civile, del mondo web e di quello produttivo,
della cultura e del lavoro. In questo spirito ho anche dato
la mia disponibilità a un’audizione presso le competenti Commissioni
parlamentari sullo schema di regolamento qualora il Parlamento lo ritenga
opportuno”.
Lo schema del provvedimento si divide in due parti.
La prima è relativa alle misure da sviluppare per favorire l’offerta legale e
la promozione effettiva dell’accesso ai contenuti da parte degli utenti, per il
raggiungimento dei seguenti obiettivi:
 promozione dell’offerta legale tramite l’individuazione di misure di
sostegno allo sviluppo dei contenuti digitali e delle soluzioni
idonee alla riduzione delle barriere normative;
 elaborazione di codici di condotta dei gestori dei siti e dei fornitori
di servizi di media audiovisivi e radiofonici;
UFFICIO COMUNICAZIONE
E RAPPORTI CON I MEZZI DI
INFORMAZIONE
stampa@agcom.it
www.agcom.it
Tel. 06 – 69644919
 promozione di accordi tra produttori e distributori per la riduzione
delle finestre di distribuzione, e la messa a disposizione di
contenuti con modalità di acquisto semplificate e a costi
contenuti;
 promozione di accordi tra operatori volti a semplificare la filiera di
distribuzione dei contenuti digitali relativi alle nuove modalità di
sfruttamento favorendo l’accesso ai contenuti premium;
 individuazione di criteri e procedure per l’adozione di accordi
collettivi di licenza;
 realizzazione di campagne di educazione alla legalità nella
fruizione dei contenuti;
 osservatorio per monitorare i miglioramenti della qualità e le
riduzioni dei prezzi dell’offerta legale di contenuti digitali;
Tali obiettivi saranno perseguiti anche attraverso l’istituzione presso
l’Autorità di un Tavolo tecnico al quale saranno invitati a partecipare tutte
le categorie interessate e le associazioni di consumatori e utenti.
La seconda parte dello schema di regolamento contiene una serie di
misure a tutela del diritto d’autore e si articola in due fasi: una relativa al
procedimento dinanzi al gestore del sito, la seconda al procedimento
dinanzi all’Autorità.
 Nella prima fase, se riconosce che i diritti del contenuto oggetto di
segnalazione sono effettivamente riconducibili al segnalante, il gestore
del sito può rimuoverlo lui stesso entro 4 giorni, accogliendo la
richiesta rivoltagli (notice and take down).
 Nella seconda fase, qualora l’esito della procedura di notice and take
down non risulti soddisfacente per una delle parti, questa potrà
UFFICIO COMUNICAZIONE
E RAPPORTI CON I MEZZI DI
INFORMAZIONE
stampa@agcom.it
www.agcom.it
Tel. 06 – 69644919
rivolgersi all’Autorità, la quale, a seguito di un trasparente
contraddittorio della durata di 10 giorni, potrà impartire nei successivi
20 giorni (prorogabili di altri 15) un ordine di rimozione selettiva dei
contenuti illegali o, rispettivamente, di loro ripristino, a seconda di
quale delle richieste rivoltegli risulti fondata.
 La procedura dinanzi all’Autorità è alternativa e non sostitutiva della
via giudiziaria e si blocca in caso di ricorso al giudice di una delle parti.
Inoltre, come tutti i provvedimenti dell’Agcom, anche le decisioni in
materia di diritto d’autore potranno essere impugnati dinanzi al TAR del
Lazio.
 La procedura non riguarda (sulla base del principio del fair use):
o i siti non aventi finalità commerciale o scopo di lucro;
o l’esercizio del diritto di cronaca, commento, critica o
discussione;
o l’uso didattico e scientifico;
o la riproduzione parziale, per quantità e qualità, del contenuto
rispetto all’opera integrale che non nuoccia alla valorizzazione
commerciale di questa.
 La procedura non prevede alcuna misura di inibizione dell’accesso
a siti internet ed è presidiata dalle seguenti garanzie:
 non si rivolge all’utente finale, né interviene sulle applicazioni
peer-to-peer;
 non limita la libertà di espressione e di informazione, ma assicura
piena garanzia dei diritti di cronaca, commenti, e discussione o di
diffusione a fini didattici e scientifici, nonché ogni uso non lesivo
del normale sfruttamento dei contenuti;
UFFICIO COMUNICAZIONE
E RAPPORTI CON I MEZZI DI
INFORMAZIONE
stampa@agcom.it
www.agcom.it
Tel. 06 – 69644919
 non lede alcuna garanzia di contraddittorio tra le parti coinvolte,
prevedendo in tal senso tempi adeguati nell’interesse di tutte le
parti coinvolte;
 inoltre, differentemente da quanto avviene nella maggior parte
dei Paesi europei, in caso di upload, l’upoloader riceverà l’avviso
di notifica e potrà avviare la procedura di contro notifica.
Nel caso dei siti esteri, qualora, in esito all’attività istruttoria, l’Agcom
richieda la rimozione dei contenuti destinati al pubblico italiano in
violazione delle norme sul diritto d’autore e il sito non ottemperi alla
richiesta, il caso verrà segnalato alla magistratura per i provvedimenti di
competenza.
Roma, 6 luglio 2011

Diritto-dautore-agcom

By

Notte Rosa 2011, Raphael Gualazzi

Notte Rosa, Raphael Gualazzi con Fabrizio Bosso.
 

Sulla spiaggia di Riminiterme l’ormai consolidato happening in attesa dell’alba con la musica d’autore: quest’anno, dopo la lunga notte di venerdì 1 luglio, si aspetterà il sorgere del sole accompagnati dalle note jazz di Raphael Gualazzi che, insieme a Fabrizio Bosso alla tromba, a proposito di sogni, presenta il suo ultimo album dal titolo Reality and fantasy.

Raphael Gualazzi nasce ad Urbino l’11 novembre 1981. Dopo aver intrapreso gli studi di pianoforte al Conservatorio Rossini di Pesaro, dove è stato avviato all’apprendimento degli autori classici, estende la sua ricerca musicale anche nel campo del Jazz, Blues e della Fusion, collaborando con qualificati artisti del settore e distinguendosi per le sue peculiari qualità vocali e strumentali.

La sua musica nasce dalla fusione della tecnica Rag-time dei primi anni del ‘900 con la liricità del Blues, del Soul e del Jazz nella sua forma più tradizionale. Le sonorità tipiche del pre-jazz e dello stride-piano di Scott Joplin, Jelly Roll Morton, Fats Waller, Art Tatum e Mary Lou Williams, e il blues di Ray Charles e Roosevelt Sykes vengono attualizzate da Raphael Gualazzi con uno stile personalissimo dove la tradizione convive con le influenze più innovative di artisti eclettici come Jamiroquai e Ben Harper.

Dal 2005 Raphael Gualazzi partecipa ad importanti festival come il Fano Jazz, il Java Festival di Giakarta e l’Argo Jazz, Ravello International Festival ed altri e nel 2008 esce in Francia, su etichetta Wagram, la compilation “Piano jazz” che include il brano “Georgia on my mind” interpretato da Raphael Gualazzi oltre a composizioni di grandissimi artisti come Nora Jones, Diana Krall, Art Tatum, Ray Charles, Jimmie Cullum, Michael Petrucciani, Chick Corea, Thelonious Monk, Dave Brubeck, Nina Simone, Duke Ellington.
Dopo essere stato invitato ad esibirsi in Vermont e New Hampshir all’interno del progetto “The History & Mystery of Jazz”, che l’ha visto al fianco di musicisti del calibro di Michael Ray (Sun Ra Arkestra, Kool & The Gang), Steve Ferraris (Sun Ra Arkestra, Charlie Haden), Jamie Mc Donald, Nick Cassarino, Bob Gullotti, John McKenna, nel settembre del 2009 Raphael Gualazzi incontra Caterina Caselli, firma con Sugar un contratto discografico.
Giunto all’attenzione del grande pubblico grazie alla cover di “Don’t stop”, il celebre successo degli anni ’70 della storica band Fleetwood Mac, scelta come colonna sonora dello spot televisivo di eni, nell’estate 2010 Raphael Gualazzi si esibisce all’ Heineken Jammin Festival, al prestigioso Pistoia Blues Festival e al Giffoni Film Festival per poi debuttare in settembre al Blue Note Milano dove presenta il suo primo omonimo ep digitale contenente 4 brani con il quale giunge alla vetta della classifica di iTunes.
Nel frattempo con il brano “Reality and Fantasy” nel remix di Gilles Peterson, entrato anche a far parte delle compilation Nova Tunes 2.2 e Hotel Costes ai vertici delle classifiche di vendita digitali in tutto il mondo, Raphael Gualazzi conquista l’air play di alcuni dei più prestigiosi network francesi e a dicembre si esibisce al Louvre per debuttare poi al Sunside Club di Parigi, tempio della musica jazz, dove presenta il suo repertorio ai media europei.

Nel febbraio del 2011 Raphael Gualazzi si presenta al Festival di Sanremo con il brano “Follia d’amore” e fa man bassa di premi:  vince la categoria Giovani, il Premio della Critica “Mia Martini, il premio della Sala Stampa Radio e Tv e il Premio Assomusica per la migliore esibizione live tra gli artisti in gara nella sezione ‘Giovani’. Il brano, scritto prodotto e arrangiato dallo stesso Gualazzi, è contenuto in “Reality and Fantasy”, album d’esordio su etichetta Sugar, che esce il 16 febbraio. Contemporaneamente “Follia d’amore”, nella versione cantata in inglese, viene inserita nella colonna sonora di “Manuale d’amore 3”, il film diretto Giovanni Veronesi e interpretato, tra gli altri, da Robert De Niro e Monica Bellucci. Nel frattempo anche la Fiat punta su Gualazzi e sceglie la sua “Reality and Fantasy” come nuova colonna sonora degli spot del marchio in Europa.

http://www.raphaelgualazzi.com/