CWM

Vale Riccione

Siti Web & Consulenza Web Marketing

By

Elenco Ministri Governo Monti 2011

Mario Monti

Enzo Moavero Milanesi
Piero Gnudi
Fabrizio Barca
Andrea Riccardi
Giulio Terzi di Sant’Agata
Anna Maria Cancellieri
Paola Severino
Giampaolo Di Paola
Corrado Passera
Mario Catania
Corrado Clini
Elsa Fornero
Renato Balduzzi
Francesco Profumo
Lorenzo Ornaghi
Piero Giarda

Un elenco di Ministri Tecnici, insomma!

Di primo acchito viene da pensare sia un bene dopo tanto tempo di mal governo creato da una classe politica prepotente e arrivista. In realtà è un controsenso pensare che proprio nei momenti di emergenza  per salvare il salvabile siano utili dei tecnici perchè se davvero fossero in grado di risollevare le sorti del paese allora dovrebbero governare al posto dei politici anche nei tempi di “minor crisi”!

Un buon tecnico deve essere pagato per il proprio mestiere, un buon politico per il suo. Ognuno a suo posto, mischiare le carte non credo serva a niente. Forse a far ingurgitare le pillole più amare…

Ora questo governo TECNICO, sempre per compiacere i Paesi dell’Euro Zona farà la parte del “responsabile”, del “bravo” e del “corretto” applicando tasse, tagli e dazi su patrimoni. Non ci credo proprio che possano fare delle manovre per indurre la crescita, non ci credo più alla favoletta. Si tratta di un compito ingrato che i politici lascano volentieri agli altri per poi risalire in sella, tra qualche mese alle prossime elezioni ricominciando a logorare e risicare quel poco che sarà rimasto nelle tasche degli italiani. Tutto questo in attesa di un boom…perchè allora non andarci in contro e tagliare la testa al toro prima di dissanguarci?!

Mettere le sorti del paese in mano a tecnici è il coronamento della disfatta della politica. Quindi, per coerenza e correttezza, o stiamo da una partte o dall’altra ma non è concepibile pensare che in taluni momenti siano utili governi tecnici e in altri siano più adatti governi politici.

Squadra che vince non si cambia….noi siamo 40 anni che “switchiamo” da una parte all’altra prendendo ciò che potremmo prendere di peggio da una parte all’altra.