CWM

Vale Riccione

Siti Web & Consulenza Web Marketing

By

Iphone con tassa SIAE

IphoneE’ notizia di oggi un nuovo decreto annunciato dal Ministero dei Beni Culturali che con la scusa dell’”equo compenso” “spilla” altri soldi agli italiani.

Se possedete un qualsiasi supporto di memoria su cui ci si possa immagazzinare dei dati dovrete pagare una tassa alla SIAE. Questo perché autori ed editori devono essere pagati, perchè potenzialmente potreste memorizzare su questi supporti registrabili “copie di backup” di loro opere che siano film, musica, opere letterarie.

Questa tassa viene misurata in base a MB e GB del dispositivo elettronico. Il decreto firmato il 30 dicembre 2009 dal Ministro dei Beni Culturali Sandro Bondi  parla di “equo compenso”, che già presente su i supporti magnetici e sui masterizzatori, viene esteso a computer e telefoni cellulari dotati di memoria interna. Tra questi ci sarà anche l’iPhone. Altroconsumo si è già attivata per protestare verso questa tassa ingiusta e fa notare come questo decreto colpisce anche dispositivi su cui è impossibile  fare copie di backup, come il decoder di Sky con hard disk. Questo decreto sarà operativo nel momento della sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.